Tariffa monoraria e tariffa bioraria: quali sono le differenze?

tariffe luce

Se desiderate cambiare il vostro fornitore di energia elettrica, probabilmente vorrete prima conoscere le differenze tra tariffa bioraria e tariffa monoraria. Con questi presupposti, andiamo a vedere quali sono le fasce orarie considerate dalle aziende fornitrici, nonché le definizioni delle suddette tariffe.

Quali sono le fasce orarie da considerare in tema di fornitura di energia elettrica?

L’autorità competente nel settore ha definito tre fasce orarie: F1, F2 ed F3. Esse aiutano i fornitori ad avere una base dalla quale partire per offrire tariffe distinte come quella monoraria e bioraria. La prima fascia, ovvero la F1, parte alle ore 8.00 e finisce alle ore 19.00. È valida solo nei giorni lavorativi dal lunedì al venerdì. Quindi non include le festività nazionali che cadono durante la settimana lavorativa. Questa è la fascia più costosa, proprio perché comprende quegli orari in cui l’energia viene usata da più persone contemporaneamente.

La F2 e la F3 includono tutte le fasce orarie dalle 19.00 alle 8.00 di tutti i giorni feriali, ma anche tutta la giornata di sabato, della domenica e i giorni festivi dell’anno.

La differenza tra una tariffa monoraria e una tariffa bioraria

Abbiamo analizzato le fasce orarie proprio perché, come anticipato, in base ad esse vengono elaborate le offerte per la fornitura di energia elettrica. La tariffa monoraria prevede un costo uguale per tutte le fasce orarie. Infatti, viene chiamata anche “a fascia unica”. Mentre questa propone gli stessi costi per il consumo durante tutte le fasce orarie, la bioraria è accompagnata da due prezzi. Uno riguarda i consumi effettuati durante la fascia F1 e l’altro quelli eseguiti nelle fasce F2 ed F3.

Qual è la soluzione migliore? Ecco che arriva la tariffa fissa non solo per la luce

È importante sottolineare che non esiste una tariffa ideale per tutti. Al contrario, ognuno dovrebbe selezionare quella giusta basandosi sulle proprie abitudini di consumo ed esigenze. Dovrebbe farlo chiaramente anche valutando le varie offerte con tariffa monoraria e tariffa bioraria proposte dal fornitore scelto. A questo proposito, è utile dire inoltre che non sono pochi i fornitori del mercato libero che propongono tariffe fisse sia per la luce che per la fornitura di gas. Questa soluzione è ritenuta da molti la più conveniente e vantaggiosa, e per questo si sta rivelando l’opzione che va per la maggiore. Se risiedete nel territorio di Monza e Brianza, non esitate a valutare le nostre soluzioni. Con noi si sceglie, si cambia e si risparmia!

I musei online che possiamo visitare senza uscire di casa

Novembre 10, 2020

Sono diversi i musei del nostro Paese che mettono il loro immenso...

Read More

Riscaldamento e risparmio energetico: i consigli di ENEA

Novembre 10, 2020

L’ENEA, ossia l’Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l’energia e lo sviluppo...

Read More

Gli interventi ammessi al Superbonus che aiutano a risparmiare energia elettrica

Novembre 10, 2020

Una recente comunicazione dell’Agenzia delle Entrate ha chiarito quali sono gli interventi...

Read More

Cos’è l’APE? Facciamo chiarezza

Novembre 10, 2020

L’APE, Attestato di Prestazione Energetica, è un certificato rilasciato da un tecnico...

Read More
Agosto: 2020
L M M G V S D
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31