I misteri del territorio di Monza e Brianza

Monza

Anche il territorio di Monza e Brianza ha le sue leggende popolari che vengono tramandate di generazione in generazione. Una delle storie più conosciute riguarda il Castello Visconteo, distrutto dai francesi all’inizio dell’800. Secondo la leggenda, la moglie del castellano finì per innamorarsi pazzamente di un poeta. I due amanti si incontravano sulle barche costeggiate sulla riva del Lambro. Un giorno, il castellano scoprì il tradimento e decise di uccidere sia il poeta che la moglie, proprio come una strega predisse molti anni prima.

Sempre secondo la leggenda, i due finirono nelle profondità del fiume Lambro e il marito venne trovato mummificato circa cento anni dopo. Anch’esso si trovava sulla riva dello stesso corso d’acqua. Agli occhi di ogni turista, questo racconto rende la visita al territorio di Monza e Brianza ancor più apprezzata e suggestiva!

Una leggenda che si trasforma in tradizione

Molto spesso, le leggende diventano la base di alcune tradizioni. Questo è proprio il caso del falò della festa della Giubiana. La leggenda narra che in passato si dava molta importanza ad un particolare rito, durante il quale si bruciava un fantoccio di paglia che somigliava ad una strega. Ai tempi, si trattava di una sorta di protezione dalle negatività.

Ad oggi, la tradizione vuole che ogni ultimo giovedì del mese di gennaio, durante la “Notte della Giubiana”, si accenda un falò. Il fuoco offrirebbe un’azione purificatrice e libererebbe tutti i partecipanti dalle influenze negative presenti nella loro vita.

Un regale fantasma che si aggira nel territorio di Monza e Brianza

Si racconta da anni che il fantasma della regina Longobarda, Teodolinda, faccia il giro di Monza una volta ogni tanto. La donna regnò fra il 570 e il 602 e fu colei che permise la costruzione della bella Basilica di San Giovanni. Molti cittadini affermano di averla vista in alcune piazze e persino alcuni professionisti del paranormale hanno confermato la sua presenza. Sicuramente, la donna non vuole essere dimenticata dagli abitanti del territorio di Monza e Brianza… E possiamo dire che sta riuscendo nel suo intento!